Intelligence and  Global Defence

Il Riciclo Smart-Green Ecomondo

Cube

 

Ci proponiamo di applicare una ricerca scientifica direttamente all'industria, passando attraverso un sistema che vuole promuovere un “patto” economico connesso alle nuove costruzioni e alle riqualificazioni energetiche, secondo le sue direttive fondamentali del momento: produzione da fonti rinnovabili e promozione dell’efficienza energetica. Il punto cardine è produrre energia con materiali riciclati che diventano funzionali alle abitazioni (dalla casetta per attrezzi del giardino ai complementi d’arredo ecc.), che si sposano con le tecnologie più innovative. Dalla vernice fotovoltaica, agli orti verticali, ad alberi con celle di silicio. Durante il giorno questi arredi resteranno aperti, inglobando calore e luce solare; di sera le enormi celle di silicio degli alberi si chiuderanno, dando vita a suggestivi lampioni con graduale rilascio di calore, che verrà recuperato per la produzione di energia termica al fine di scaldare le abitazioni. Piccole antenne, che utilizzano le Reti intelligenti con algoritmo brevettato MSK, trasmetteranno energia senza fili, regoleranno l’intensità della diffusione della luce in base all'avvicinamento delle persone di notte, saranno on-demand e attiveranno alert di sicurezza. Ci saranno colonnine per le cariche di auto e bici elettriche e servizi derivanti dall'energia prodotta (bistrot, ristoranti e bar ad impatto zero). Un’area “grezza” diventerà nuovo epicentro di attenzione all’ecologia per i cittadini, attraverso comportamenti virtuosi e anti spreco. L’obiettivo è abbattere totalmente il consumo di energia attraverso queste superfici radianti, inserendo anche giardini pensili, sistemi di ventilazione a incremento delle naturali correnti d’aria, sistemi di raffreddamento a vapore, lastre rinfrescanti e pannelli con effetto oscurante e ombreggiamento delle facciate esterne. Sensori automatici attiveranno o meno caratteristiche e funzioni ad hoc, in correlazione con il flusso che si genererà. Quindi attivazione di un sistema ecologico smart-green, che ricicla le risorse naturali. Dal terreno uscirà una città del prossimo millennio con energia, acqua e gas a km 0.

L’abstract che hai appena letto ha vinto la poster session di Ecomondo 2016

Puoi visualizzare il paper scientifico di Marco Santarelli THE SMART-GREEN RECYCLING pubblicato sulla ricerca scientifica Environmental Engineering and Management Journal August 2017, Vol.16, No. 8, 1837-1842 cliccando qui.

 

Ambiente e energia: il futuro sensibile. Dalla resilienza alla intelligence di cose e persone

Marco santarelli

 

  

Resiliènza s. f. [der. di resiliente].1. Nella tecnologia dei materiali, la resistenza a rottura per sollecitazione dinamica, determinata con apposita prova d’urto: prova di r.; valore di r., il cui inverso è l’indice di fragilità. 2. Nella tecnologia dei filati e dei tessuti, l’attitudine di questi a riprendere, dopo una deformazione, l’aspetto originale. 3.In psicologia, la capacità di reagire di fronte a traumi, difficoltà. [cit. Enc. Treccani].

Ogni giorno sempre di più, questo termine, ci invade, prevale e convince. Ma siamo sicuri che nella gestione delle cose e dell’ambiente questo sia il termine adatto? Diciamo prima di tutto che se la prendiamo sotto il profilo di affrontare le situazioni in maniera elastica e adattarsi al cambiamento inteso come abitudini, allora possiamo confermare la vera utilità del termine. Ma se, come sta succedendo nel nostro amato Abruzzo post terremoto, nel Veneto, a Roma e in America in generale, lo utilizziamo sempre più come un unico pensiero per risolvere le questioni ambientali e disastri, allora possiamo dire tranquillamente che lo stesso termine non serve assolutamente a nulla!

Leggi tutto...

THE SUSTAINABLE WASTE

Our aim is to recycle all waste materials from agricultural holdings, in particular wine and oil wastes through an innovative integrated gasification-ORC cycle (organic Rankine cycle), exploiting recent innovations in the field of thermal fluids and materials, combining with these ones scientific skills and capabilities of innovation in the framework of a system with greater efficiency, with an aerobic hybrid cycle. The objective of the project is to investigate the actual potential (yields, emissions, filtration capacity, nature of ashes according to biofuels) of thermal and electrical cogeneration based on the integration of a fluid-bed gasification, a boiler and a RCE unit. With the RCE cycle, organic thermal fluids allow better efficiencies than water cycle in a turbine both full and partial load and the RCE combined with micro cogeneration

systems is cheaper than water: it allows the expansion of the vapor in its saturated and overheated state, without any damage to the turbine due to erosion.

The thermoelectric cogeneration cycle starts from noble and less noble biofuels and transforms biological different residues, which currently represent a potential environmental and economic problem that we can solve for energy purposes. The recovery and energy enhancement of wine and olive-oil chain wastes permits the transformation of scrap materials into energy products, allowing the production of renewable energy without the use of agricultural land for energy purposes, creating the so-called smart grid. The system, which generates an interaction with the Rankine cycle, uses the division of Organic and inorganic substance, delineing also an ad hoc line for water, with the exploitation of the cycle, bringing the substances to high molecular weights and generating a working fluid that modifies the substance first for established purposes. The jumps are of enthalpy nature and recover processes and generate biomass cogeneration.

Author

Marco Santarelli

 

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.